18 lame affilate pendono sopra la testa del pubblico alla mostra di Jannis Kounellis

È quasi minacciosa la nuova esposizione di Jannis Kounellis alla Galleria Giacomo Guidi.

Uno dei principali esponenti dell’Arte Povera regala un brivido di paura ai visitatori che nella sua mostra hanno il coraggio di passare sotto quel lampione fatto di 18 coltelli. Kounellis, a Roma fino al 12 settembre, suscita molto interesse in seguito all’apparizione del suo improvviso lavoro presso la Biblioteca Angelica in cui si è assistito a un saggio di “pittura al vivo”.

L’artista si è distinto, infatti, per rapidità esecutiva e tocco cromatico fatto di ombre e luci di cose vere di valenza caravaggesca. Al contrario, nella Galleria Guidi sono i coltelli dalle lame affilate a essere gli emblemi ricorrenti della mostra. Nella sala d’ingresso una tela gialla, volutamente di dimensioni pari a quelle de Les Demoiselles d’Avignon di Picasso, è attraversata verticalmente da una trave in ferro alla cui estremità inferiore si trova un grande coltello che sfiora il pavimento con la punta.

La sala principale appare come racchiusa da un recinto di alte lamiere addossate alle pareti mentre sul pavimento, spostato verso un angolo, sono collocati 12 sacchi di carbone circondati a loro volta da un mucchio di carbone libero che sembra creare un dialogo muto dal quale il visitatore resta escluso.

Una ghigliottina, una letterale spada di Damocle. Così viene definito quel lampadario che non solo attira l’attenzione del pubblico, ma ricorda ancora Picasso in un dettaglio di Guernica dove Pirri, collega di Kounellis, nota che “i raggi provenienti dalla lampadina accesa prendono la forma di lame solide che si conficcano nel buio della raffigurazione senza riuscire a illuminarla per intero”.

Armonia e crudeltà si fondono perfettamente nella mostra di uno dei più grandi artisti internazionali che mette in scena la drammaticità dell’Arte Povera in modo esemplare. Questo e molto altro ancora vi aspetta all’esposizione gratuita di Kounellis a Palazzo Sforza Cesarini.

Fonte immagini

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...